DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)

Ognuno è un GENIO

Ma se si giudica   un pesce   dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi,

lui passerà tutta la vita a sentirsi stupido.

Albert Einstein

 

I Disturbi Specifici di Apprendimento fanno parte della più ampia gamma di Disordini Evolutivi, che possono manifestarsi nell’acquisizione delle abilità linguistiche, nell’apprendimento, nello sviluppo cognitivo. I Disturbi specifici dello sviluppo, cioè, riguardano quelle “affezioni” che coinvolgono il linguaggio, la lettura, la scrittura, il calcolo, le tappe motorie, le abilità attentive, l’interazione sociale; essi possono manifestarsi isolatamente o, più comunemente, in associazione tra loro.

I DSA riguardano, appunto, l’ambito dell’apprendimento scolastico: costituiscono un’area molto importante nel contesto delle problematiche relative all’età evolutiva e specificatamente rappresentano un’alterazione di una particolare funzione che può interessare uno o più “domini” specifici.

SERVIZI OFFERTI

1)       Primo colloquio conoscitivo con i genitori, con l’obiettivo di analizzare il motivo della consulenza richiesta, raccolta di informazioni sulla conoscenza del minore, sul disturbo e sulla valutazione di coloro che segnalano.

 

2)       Fase diagnostica che comprende:

·         valutazione del profilo intellettivo (effettuata dalla psicologa);

·         valutazione delle abilità di apprendimento scolastico (effettuata dalla psicologa o dalla logopedista);

·         eventuale approfondimento delle funzioni grafo-motorie (effettuata dalla psicologa o dal neuropsicomotricista dell’età             evolutiva);

·        eventuale visita neurologica per escludere altre patologie (effettuata dal neuropsichiatra infantile).

Al termine di questa fase verrà redatta una relazione clinica con l’obiettivo di delineare un profilo completo del bambino emerso durante gli incontri valutativi, al fine di costruire un’alleanza per un corretto sviluppo tra bambino-famiglia, scuola, clinici. Tale relazione verrà restituita alla famiglia.

3)       Alla fase diagnostica, nel caso in cui venga accertato un DSA, solitamente può seguire una presa in carico

          rieducativa con ad esempio:

·      sedute di rieducazione delle abilità scolastiche carenti;

·      sedute finalizzate all’apprendimento di un metodo di studio personalizzato con l’utilizzo dei mezzi compensativi;

·      sedute di rinforzo psicologico e/o potenziamento cognitivo;

·   consulenza scolastica che può prevedere colloqui con gli insegnanti, consulenza per la stesura del  Piano Didattico   Personalizzato (PDP) e monitoraggio dell’andamento scolastico dell’alunno;

·     consulenza familiare per informare e creare risorse aggiuntive, sostegno alla genitorialità.

 

L’Associazione Interzona offre percorsi diagnostici e rieducativi secondo le indicazioni della Legge 170/2010 che ha definito “Nuove norme in materia di disturbi specifici d’apprendimento in ambito scolastico” e in riferimento all’Accordo Stato-Regioni del 24/7/2012  “Indicazioni per la diagnosi e la certificazione diagnostica dei disturbi specifici d’apprendimento.”